martedì 24 settembre 2013

IL 23° PENTATHLON DEL BOSCAIOLO SABATO 28 SETTEMBRE IN GAMBAROGNO.

L’associazione forestale ticinese (AFT) Forestaviva e il comitato organizzativo sono particolarmente orgogliosi di proporre sabato 28 settembre il tradizionale Pentathlon del boscaiolo attorniato dalla rispettiva fiera forestale e da un ricco mercatino dell’artigianato. (in fondo galleria fotografica passata edizione)

Nel corso dello scorso anno il comitato organizzatore ha aderito con piacere alla proposta del locale Patriziato di Vira Gambarogno. Individuato il possibile campo di gara presso il porto patriziale di Magadino, sono state contattate le società locali che subito hanno risposto con entusiasmo.
Già da mesi il comitato del Pentathlon, il Patriziato di Vira Gambarogno, i Tiratori di Campagna Contone-Quartino, la cinofila Trodo, il Fans club Ambrì Piotta Gambarogno, il locale Ente Turistico del Gamabarogno, il Carnevale di Magadino e l’azienda forestale Sascha Schüler hanno avviato la complessa macchina organizzativa per arrivare all’organizzazione dell’evento in modo ottimale.
Con particolare orgoglio il comitato segnala un nuovo record di iscritti che ha raggiunto la quota di 94 partecipanti, di cui oltre una ventina di apprendisti selvicoltori i quali concorreranno all’ambito del titolo ticinese.
L’inizio delle gare è previsto per le ore 9.00 mentre nel pomeriggio avremo moltissime attività collaterali.

Ma cosa è il Pentathlon del Boscaiolo? 

Per trovare le origini del nostro Pentathlon è necessario ritornare al 1984  momento nel quale con la nascita dell’Associazione forestale ticinese (AFT) detta anche Forestaviva, i rapporti con le associazioni forestali della Lombardia, del Piemonte e del Trentino diventano sempre più frequenti. Nel mese di settembre del 1986 siamo ufficialmente invitati a partecipare con una squadra ticinese alle finali nazionali del Pentathlon che sono organizzate a Trento in Piazza Duomo. Armati di scure e motoseghe la nostra squadra composta da Thomas Hellweg, Carlo Scheggia e Walter Schick scende in campo con grande impegno e nella categoria “ospiti” ottiene un ottimo risultato distinguendosi particolarmente per l’abilità e la precisione.
Al seguito della squadra c’è un gruppo di sostenitori e appassionati capitanati dall’ingegner Giuglio Benagli presidente e fondatore dell’AFT che complice la bella giornata, l’ottima organizzazione, l’entusiasmo del pubblico e dei partecipanti già sulla strada del rientro discute e pone le basi per un’edizione tutta ticinese di questa tradizionale gara forestale conosciuta da tempo. Viene quindi definito un comitato ad hoc che nel 1991 presenta a Mezzovico la prima edizione del Pentathlon del Boscaiolo versione “ticinese”.

Il Pentathlon del boscaiolo è una gara di abilità per i professionisti del bosco e le 5 prove permetteranno di designare il campione ticinese del concorso individuale e di quello a squadre. Al concorso vengono a turno invitate squadre ospiti della vicina Italia o della Svizzera interna, quest’anno avremo la gradita presenza degli amici forestali di Winterthur.

Le 5 prove rappresentano idealmente le fasi principali del lavoro del boscaiolo e per emergere sono necessarie qualità quali la forza, la precisione, la concentrazione e l’abilità. Queste prove sono estremamente spettacolari ed è entusiasmante osservare con quale abilità i partecipanti destreggiano la loro amata motosega.

Con l’avvento della tecnologia alcuni attrezzi sono stati sostituiti da moderni macchinari nelle attività lavorative giornaliere del boscaiolo. L’utilizzo dell’ascia e dello zappino rappresentano un ritorno al passato del duro mestiere di boscaiolo ed è favoloso vedere selvicoltori e apprendisti cimentarsi con attrezzi quasi da “museo”.

Nel corso degli scorsi anni il numero di concorrenti è costantemente aumentato così come le aziende forestali attive sul nostro territorio. Con piacere la nostra associazione constata un ritorno dei giovani alla professione del selvicoltore e alla gestione del bosco e del territorio in generale. Per spettacolarizzare la gara e per dare la possibilità a tutti gli interessati di partecipare alla gara il comitato ha deciso di riproporre la partenza in parallelo dei concorrenti.

Nell’ambito forestale, oltre al pentathlon, segnaliamo il concorso di sculture con la motosega e il concorso di arrampicata sul palo che si svolgeranno nel pomeriggio. Gli abili scultori avranno a disposizione 2 ore di tempo per scolpire e modellare un tronco di 100-120 cm di altezza e 60-80 cm di diametro. Una giuria formata da 3 giudici designerà il vincitori. Si segnala che le opere artistiche verranno messe all’asta.
Per i “treclimber” l’arrampicata del palo mette in palio il trofeo ASIF (Associazione imprenditori forestali della Svizzera italiana) e premierà l’atleta più veloce nella risalita del palo che misura oltre 10 metri.

Per i bambini (3-8 anni ca.) il pomeriggio verrà organizzato un mini-Pentathlon del boscaiolo ove grazie ad un team affiatato verrà permesso ai più piccoli di concorrere con motoseghe e trattori giocattolo su un percorso appositamente organizzato. La partecipazione al mini-Pentathlon verrà certificata con un diploma e con una sorpresa in regalo.

Il Pentathlon del boscaiolo è sempre attorniato da una moltitudine di espositori della fiera forestale e dalle bancarelle dei prodotti di artigianato locali. Vi sarà inoltre per i bambini la possibilità di giocare nel vicino parco giochi realizzato in legno di castagno.

Una fornitissima buvette, un ampio capannone con la possibilità di gustare gustosi piatti sarà in funzione nel corso di tutta la giornata e alla sera vi sarà una serata danzante con un complesso di musica country.

Il successo della nostra manifestazione è legato all’entusiasmo degli amici del Pentathlon e dei partner organizzativi che hanno investito tante risorse per l’allestimento dell’evento e a loro va un grazie di cuore così come agli sponsor principali quale il Comune di Gambarogno, Heli-TV SA,  Banca Raiffeisen Gambarogno e Cadenazzo, Ecocontrol SA, Stihl AG, FM meccanica di Quartino e l’azienda forestale Sascha Schüler e non da ultimo il Patriziato di Magadino per la gentile messa a disposizione del sedime.

Invitiamo tutti gli interessati, grandi e piccini, a renderci visita presso il sedime del porto patrizale a Magadino sabato 28 settembre a partire dalle 9 per conoscere un ambiente genuino e simpatico. Non ve ne pentirete.
Galleria fotografica della presentazione avvenuta questa mattina e foto di archivio di passate edizioni clicca qui

Nessun commento: