domenica 16 aprile 2017

Alpe di Neggia Bike

Alla scoperta di un tracciato tecnico ed avventuroso nella splendida regione del Gambarogno che saprà appassionare i mountainbiker più esperti per oltre otto mesi all'anno. 
Dalla stazione FFS di Magadino-Vira si prosegue fino a Vira Gambarogno, dove s'imbocca la strada per l'Alpe di Neggia: una via di quasi 12 km con pendenze che si attestano attorno al 10%. Superati i Monti di Fosano, ci si inoltra in un tratto meno ripido e più lineare. La vista che dai Monti di Agra si apre sulla vetta del Monte Tamaro è incantevole. Dopo un ultimo tratto di tornanti si giunge all'Alpe di Neggia (1'395 m/s/m), da dove si scorge un panorama mozzafiato sul Lago Maggiore.

Gli 8 km che seguono, per un dislivello di 1300 m in discesa verso Vira, rappresentano uno dei singletrail più avventurosi dell'intera regione. La prima parte è tecnicamente molto impegnativa e presenta numerosi sassi, ciottoli e radici che s'intrecciano sotto le ruote. Alcuni passaggi parecchio esposti e l'attraversamento di alcuni guadi richiedono prudenza. Da segnalare un tratto di salita difficilmente pedalabile poco prima di giungere all'Alpe di Trecciura.

La seconda parte del sentiero scorre agile e veloce per un lungo tratto, dal quale si gode di un bellissimo panorama sul Piano di Magadino. Subito dopo i Monti di Vira, le serpentine dell'ultima parte di trail tornano ad essere più impegnative, per tornare infine ad un suolo asfaltato in direzione di Vira e del lago, dove in estate è possibile concedersi un tuffo rinfrescante.

In alternativa è possibile caricare la propria bici sul bus che giornalmente si reca dalla stazione FFS Magadino-Vira all'Alpe di Neggia in circa 50 minuti.

Nessun commento: