lunedì 14 novembre 2016

Comune Gambarogno:Tassa sul sacco promosso il referendum

Il movimento PER GAMBAROGNO e singoli cittadini aderenti, dal primo novembre hanno deciso di promuovere il referendum contro il regolamento rifiuti di Gambarogno che introduce la tassa sul sacco.

Con questo regolamento al cittadino di Gambarognoaumenterà il costo della vita. In Svizzera e nella maggior parte dei nostri Comuni una parte dei costi di raccolta dei rifiuti è coperta con le imposte. Con il nuovo regolamento non sarà più così. Avremo ancora una volta più tasse. Pagheremo le imposte e in più la tassa rifiuti e la tassa sul sacco.
Basta! Troppo! Solo esagerazioni per incassare più soldi dai cittadini!  Formulario online


Per lo stesso motivo la Lega dei Ticinesi ieri ha promosso a livello cantonale il referendum sulla tassa sul sacco.

Non è che non vogliamo una tassa sul sacco ma la vogliamo più bassa visto che attualmente la gente ha già un buon tasso di riciclaggio e quindi assolve egregiamente i suoi oneri casalinghi. E visto che siamo una regione turistica, con una tassa rifiuti più elevata e quindi una tassa sul sacco bassa le tantissime residenze secondarie darebbero un loro tangibile contributo alla copertura complessiva dei costi sgravando i domiciliati.

Esagerare con una tassa sul sacco alta arrischia poi di avere un effetto anche contrario al riciclaggio. Nei nostri boschi potremmo trovare brutture di sacchi della spazzatura gettati.

Una parte del lavoro di riciclaggio da noi fatto finisce poi di finire ugualmente all’inceneritore. Spesso rifiuti finiscono nei fanghi di depurazione che poi sono bruciati ancora nell’inceneritore. Esagerare porta a niente!

Bisogna mettere fine all’aumento del costo della vita in Ticino. 

Allegato trovate il formulario valido per la raccolta firme. Se desiderate potete stamparlo o potete chiederci il formulario prestampato.
Prima si ritornano i formulari prima possiamo avere una visione d’assieme necessaria per una riuscita del referendum. Ultimo termine per il rientro dei formulari scade il 28 novembre.

Leggi bene l’allegato e se ti convince firmalo e fallo firmare. Dobbiamo raccogliere 500 firme entro questo mese per cui un colpo di mano è benvenuto.
 REFERENDUM RIFIUTI GAMBAROGNO

8 commenti:

Pio Box ha detto...

Commento.
Non riusciamo ancora a pensare oltre il nostro portafoglio, malgrado tutti gli allarmi dell'effetto serra! Per lasciare un pianeta vivibile ai nostri figli occorre un cambiamento di prospettiva che metta al primo posto la salute nostra e del nostro ambiente, poi l'economia, e non il contrario, quindi "CHI INQUINA, PAGA"!
Gian Pietro Pawlowski

M.Balestra PER GAMBAROGNO ha detto...

A Gian Piero Pawlowski

Siamo pienamente d'accordo che chi inquina paga.
Il nostro referendum non è mirato ad abolire la tassa sul sacco ma a moderarla.
Occorre leggere le osservazioni sul retro del formulario per la raccolta delle firme e gli articoli apparsi sulla stampa ticinese questa mattina.
E' anche giusto che in democrazia, vista l'importanza del tema, sia data la possibilità alla popolazione di esprimersi in merito.
Non è con balzelli spropositati che si salva il pianeta.
Cosi' facendo arrischiamo di la fine di Paesi a noi confinanti di trovarci la spazzatura nei riali o sul ciglio della strada.

PER GAMBAROGNO Marzio Balestra Vira - 15.11.2016

Anonimo ha detto...

La demagogia continua. Ci si riempie di frasi fatte e declamanti.
Visto che si tratta del nostro piuccolo, guardiamo effettivamente cosa potrà cambiare nel quantitativo di rifiuti raccolto come RSU.Se guardiamo cosa affluisce ai centri si constata come la raccolta separata funziona bene nel Gambarogno. Un qualche fantasista che sgarra ci sarà sempre.
Emotivamente ci saranno anche quelle persone che inizieranno a smaltire in modo inappropriato, nei boschi , nelle fogne, nei cestini pubblici.
Per evitare questo non bisogna esasperare il cittadino.
Se tassa sul sacco ci deve essere, che ci sia.Rimane il dubbio di come è stato valutato il costo del sacco e sopratutto della tassa di base.
Come ogni cosa , legata al pubblico, ci sarà un aumento a carico dei cittadini: un leggero aumento si dice,ma ogni volta è sempre un leggero aumento. Per alcuni più si paga più la coscienza è salva.

Anonimo ha detto...

Se una persona si impegna a separare viene premiata con una riduzione dei costi in applicazione al principio di causalità! È chiaro che ha qualcuno questo dà fastidio meglio buttare tutto nel sacco!!

Anonimo ha detto...

Siamo seri.Questo è il tipico atteggiamento che colpevolizzerebbe anche i morti.
Il b"buttare tutto nel sacco" lè una considerazion da bettola.
Ma se proprio è come dice l'ultimo commento, se tale sarà il risparmio, al cittadino veranno abbassate le imposte? Giammai, si continua sempre a pagare di più , ma per il medesimo servizio.

Anonimo ha detto...

Non hai proprio capito nulla, spiacente

Anonimo ha detto...

Bene allora firmo.

Anonimo ha detto...


Basta tasse, paghiamo più' del dovuto, é solo per fare girare un autocarro rifiuti UNA VOLTA LA SETTIMANA, il Comune guadagnerebbe 2 volte di più'. Tassa e meno SERVIZIO !.