sabato 15 aprile 2017

Buona Pasqua

Ringraziamo per la sensibilità che una nota ditta Afor ha per l'ambiente  ringraziamo pure per l'impegno profuso  dal comune per far rispettare le regole comunali e ripulire il parcheggio pubblico.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Se i lavori non sono finiti, perché hai fretta caro blogger? Non è certamente una questione di sensibilità e non mi sembra che ci sua colonna per andare in spiaggia

Anonimo ha detto...

Non è questione di fretta, ma di buon senso e ordine
Sarà pure una fotografia di uno stato naturale, e si è pur solo legname, ma di poco buon gusto per la nostra vista.
E per la sensibilità ricordo che di norma, è la facoltà di percepire attraverso sensori (nel caso di esseri viventi, gli organi di senso) stimoli provenienti da fonti esterne. E bello e' quando questi stimoli sono positivi: qui proprio non mi sembra il caso.
Con un po' di buona voglia si poteva far di meglio viste le feste pasquali.

Anonimo ha detto...

Non vedo bene il cartello blu, ma è per un deposito di legname a 4h o per un posteggio con disco orario?

Anonimo ha detto...

Già... se non hai utenti o colonna per la spiaggia ..., ognuno fa quel cavolo che gli pare !
bene, ottimo direi, un'altro imbecille che per certo, manca di rispetto della cosa pubblica.
Ma chi se ne frega se la spiaggia potrà essere utilizzata o no ! e ti pare ?
Che sia legname o sacchi contenenti cervelli in disuso, la prossima volta mettili nel tuo giardino! , sempre che tu ne abbia uno..
Forse abituati troppo a fare ciò che si vuole, con autorità poco lungimiranti nel mantenere un decoro e rispetto del territorio.., ma si dai, qualcuno dirà che è un lavoro riguardante la cura e la conservazione il territorio . I paesi che hanno ottenuto il maggior successo nel turismo ,sono coloro che non ne hanno approfittato, dove il turista è sempre al primo posto, provate ad andare a S.Moritz, Ascona, Lugano, Gstaad a piazzare qualche tronco dove cazzo vi pare. ...Vi fanno correre a calci in culo
Ma sono discorsi troppo complicati per chi non vuole capire, avanti così ...
Welcome to Africa