8

martedì 4 aprile 2017

a margine: BIKE SHARING: Quando il Gambarogno arrivava fino a Dirinella....

Pensiero stupendo :il cittadino comune pensa cosi.

Ecco finalmente qualcuno che ha il coraggio di parlare apertamente di un progetto oneroso e poco confacente ad un territorio come quello del Gambarogno.
E ha pure ragione dove afferma che prioritario è la salvaguardia dei pedoni .
Sarebbe ora di affrontare in maniera definitiva la completazione del marciapiede sulla litoranea, tralasciando progetti milionari di piste ciclopedonabili e affini.
È ora di affrontare responsabilmente la sicurezza su quei tratti dove una vettura può sparire tranquillamente nel lago senza che qualcuno se ne accorga,è ora di provvedere alla sostituzione di quelle barriere arrugginite che non proteggono più niente e pronte solo per cadere in acqua.

Purtroppo il comune ha solo grandi progetti, grandi idee, e dimentica una visione d'assieme delle esigenze e aspettative del territorio 

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma sono poi in tanti che la pensano così?
Oppure in troppi hanno deciso di non pensare più a questi problemi?

Anonimo ha detto...

Campa cavallo che.....

Anonimo ha detto...

Si ritiene un po' l'uno e l'altro..... Che la pensano cosi sono in molti. Ma non si sa se è menefreghismo , o il voler fare la cose in grande , a rischio .... che se funzionano il mezzo busto è garantito ..... e altrimenti con l'aumento delle tasse si risolve il tutto.Tralasciando quelle insignificanti opere , che non portano GLORIA ma sono di grande utilità per l'indigeno e anche il TURISTA (senza motoscafo) , che in maggioranza visita il Gambarogno. Opere che rientrano nelle normale manutenzione e miglioria , sovvenzionate dal Cantone , ringhiere insicure e disastrate, aree di svago , marciapiedi sconnessi ,caditoie rotte .. e molto altro... ( ma dal Governo Cantonale si ha paura di sentir mugugnare ?)
O i nostri politici quando passano guardano a monte ?

Anonimo ha detto...

Ma quale bike sharing del cavolo! Che si mettano in sicurezza i pedoni sistemando i marciapiedi. O dove non ci sono ancora che si trovi la soluzione migliore ( tema non di competenza del singolo cittadino).

Anonimo ha detto...

A pensare che alcuni dei nostri politici sono alti Ufficiali dell'esercito Svizzero e sanno come sono le piste da guerra ..........

Anonimo ha detto...


Manca un momento N 6.