lunedì 3 ottobre 2016

"Un giorno Lugano sarà inghiottita dalla terra"

La terra ha tremato per la prima volta questa mattina alle 8.43 nell'alto canton Uri, con un sisma di magnitudo 3.3 sulla scala Richter. Poi di nuovo, attorno alle 9.24, con una scossa molto più lieve di 1.2.
Si tratta di scosse pericolose? Il geologo Giovanni Pedrozzi ha risposto alle domande dei colleghi di Radio3i:

"Sotto il 3.5 sulla scala Richter sono di lieve intensità. Dal 3.5 al 6 sono considerati terremoti mediani, sopra il 6 invece sono scosse pericolose".
Ma non sono fenomeni poi così rari: "All'anno ci sono circa una decina di scosse in Svizzera che si aggirano attorno al 3.3 fino a 3.5".
Nella Confederazione ci sono zone più sensibili di altre, per esempio il Vallese, Coira, o la regione di Basilea che nel 1300 fu colpita da un terremoto di magnitudo 6.6. Il Ticino invece? "Il nostro Cantone - spiega ancora Pedrozzi - due anni fa è sceso nella scala sismica Svizzera da 2 a 1. La sua particolarità è che il Sottoceneri è sulla placca africana, mentre il Sopraceneri è sulla placca europea. Una scorre sotto l'altra a una velocità di 1 millimetro l'anno".L'esperto svela poi un curioso dettaglio: "Fra 30-50 milioni di anni Lugano non ci sarà più perché sarà inghiottita dalla terra. Decine o centinaia di milioni di anni fa il Ticino deve essere stata una zona attiva, ma in questo periodo è molto tranquillo. I pericoli dunque statisticamente sono minimi".    tinews

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ma che ne sanno gli esperti e i geologi , sono tutti sganassamenti ... questi eventi sono IMPREVEDIBILI , é inutile far dire stupidate a chi vuol fare intendere di conoscere quello ' che accade nelle viscere del nostro pianeta ...... puo' succedere anche un terremoto totale domani , o niente per miliardi di anni . NESSUNO LO PUO' SAPERE.

Ciao