sabato 24 dicembre 2016

Sacco del rüd : Si vota

Domanda di referendum regolare e proponibile: il 21 maggio Gambarogno andrà alle urne per esprimersi per o contro la tassa sul sacco. Lo comunica il Municipio, rendendo noto che delle 665 sottoscrizioni presentate, 632 sono state ritenute valide.
Fino al voto primaverile rimarrà invariato l’attuale sistema di raccolta con il classico sacco nero dei rifiuti e le tariffe per il 2017 non subiranno variazioni rispetto a quelle in vigore quest’anno. Per altro, fra i nuovi progetti per l’anno prossimo v’è la costruzione del nuovo Eco Centro a Cadepezzo, dove sarà possibile il deposito e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, più carta, cartoni, vetro, Pet, alu, latta, vestiti e batterie. “A tutela dell’integrità della struttura e per evitare abusi – avverte il Municipio – il sito sarà videosorvegliato”. Non è tutto: dal 1° gennaio verranno applicati nuovi orari all’Eco Centro Rivamonte (ingombranti). La consegna di tali rifiuti sarà possibile il mercoledì e il venerdì dalle 14 alle 18 e il sabato dalle 9 alle 17. Per i piccoli quantitativi di materiali inerti e ceramica sarà inoltre presente, negli orari di apertura per i rifiuti ingombranti, una benna nella quale depositare unicamente vasi, piatti, tazze in ceramica, lavandini, wc, bidet (massimo un pezzo), scarti di piastrelle, mattoni o tegole (2 secchi al massimo). Si tratta di misure che “rientrano nel processo di riorganizzazione e razionalizzazione dei luoghi di raccolta e separazione dei rifiuti. Questi interventi contribuiscono a migliorare il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, secondo principi ecologici e finanziariamente sostenibili”, nota l’esecutivo. Che ringrazia l’utenza per un corretto usufrutto delle strutture, utile a contenere i costi, favorire il riciclaggio dei materiali e mantenere pulite le aree di deposito.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Come mai hanno comandato i sacchi ben sapendo che c'era un referendum in corso? Troppa fretta?Soldi buttati?

Anonimo ha detto...

Siamo alle solite: decidiamo noi e fate come vogliamo noi.
Ma, a volte, così non va e quindi si andrà a votare.
Avere il coraggio e la sensibilità di ascoltare potrebbe portare a soluzioni ragionevoli.
La politica, quella vera e costruttiva, e' fatta così, ma non da noi?
Il 15

Anonimo ha detto...

In vista della votazione il Municipio comunica i "miglioramenti" che saranno apportati nell'ambito della raccolta dei rifiuti.
Poca cosa, vedremo se almeno questi piccoli accorgimenti, premesso che vangano attuati,servano a migliorare la situazione attuale.
Sarebbe opportuno, da parte del Municipio, affrontare, oltre alle questioni pratiche,anche quelle di ordine finanziario. Spiegare finalmente e correttamente) la popolazione sui costi effettivi di questa raccolta rifiuti.
Tassa base, costo del sacco il perché i costi per lo smaltimento dei rifiuti non sono compresi nelle imposte comunali e il perché chi ha una cascina ai monti deve pagare tesse sui rifiuti quando deve portare il sacco al piano?

Il passero di Vira

Anonimo ha detto...

Si siamo alle solite. Sempre pronti a lamentarci e dar contro. A malincuore per questo ennesimo abuso di democrazia diretta (Stojanovic ha dimostrato a sua volta cosa vuol dire abusare della democrazia diretta e non accettare il voto della maggioranza) andrò a votare... ovviamente si alla tassa sul sacco!
Anch'io ho la cascina ai monti e pago in doppio la tassa, giusto? sbagliato? qualcosa deve cambiare, la tassa sul sacco è al momento la soluzione proposta e vagliata da confederazione , cantone e comuni (tücc stüpid?). Ritengo che sia bene provare e soprattutto impegnarsi nello smaltimento differenziato a favore del nostro ambiente e nella speranza che non si manifestino gesta di "luminari" che gettano rifiuti laddove non si può...

Anonimo ha detto...

Bravo e complimenti!
Hai proprio capito tutto, ma alla tua maniera.
Sforzarsi e adoperare il cervello per fare due calcoli non sarebbe tempo buttato al vento, dammi retta.
Fai un reset e cerca di vedere l'orizzonte è non il,buoi del tunnel.

Anonimo ha detto...

All'anonimo che vuole provare, forse non si è ancora reso contatto che la raccolta separata nel Gambarogno ha già raggiunto un livello molto elevato.
Ma la domanda è anche a sapere perchè i nostri politicanti si lanciano in questa avventura quando il cantone sta arrivando con una soluzione per tutto il cantone. E altra domanda perchè il comune non rispetta i termini democratici e provvede ad organizzare la yassa sul sacco quando è in corso una votazione popolare sull oggetto.

Anonimo ha detto...

Beh... non ci si poteva aspettare di meglio con i commenti 5 e 6.
Quando si dice che il livello di differenziazione dei rifiuti è già alto, su quali basi lo si fa? Apriamo di nascosto i sacchi neri per capirne il contenuto? Coni due la vendetta?!?
Al Blog 5, mi spiace deludere, ma il cervello lo uso. Invece che attaccare con argomenti sterili e sempliciotti hai qualcosina di più concreto da dire a supporto della tua opinione? Magari se ti impegnassi di più potrei anche cambiare idea, non si sa mai.