martedì 20 ottobre 2015

Cantiere dello scandalo e uso parsimonioso del denaro pubblico?

Cantiere dello scandalo e uso parsimonioso del denaro pubblico?

Due semplici domande che il cittadino si pone vedendo il cantiere in corso sulla strada cantonale a Quartino.
Poco importa chi ordina e chi esegue il lavoro. Unica certezza è che è il cittadino che paga.

Un gran frastuono si è levato prima delle elezioni ad aprile, da parte dei supporter dei politici in corsa, all’annuncio della realizzazione dell’opera.
Sembrerebbe che quest’opera, finita costi oltre la bellezza di 300000.-
Iniziata in luglio , siamo oramai alle porte di novembre ,per la realizzazione di un marciapiede ad uso dei ragazzi che devono raggiungere il centro sportivo in provenienza dal bus o dal treno.
Un’opera che poteva essere benissimo realizzata dall’altro lato della strada con un investimento di ca 10000.-( stima di specialisti), senza andare ad intervenire sul manto stradale( sono riusciti a posare una caditoia trasversale ,che però tale sembra non essere, ma destinata all'attraversamento dei rospi,per raggiumgere il campo sportivo, neppure all'altezza del ruscello rinaturalizzato...)
Fatto stà che passeranno ancora settimane, sembra, prima che il cantiere riprenda: non si sa se per mancanza di mano d’opera o di finanziamenti.
Una volta ancora i Gambarognesi serviti e gabbati (poco importa da chi) , a dimostrazione che l’aggregazione non porta a maggior forza e determinazione.
Superfluo inoltre citare sempre la pista ciclabile per giustificare quest’opera. Chi segue questo teorico progetto avrà preso conoscenza dell’ulteriore procastinamento dei finanziamenti, alle calende greche ( ossia mai!)


 

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Esiste ancora un consiglio comunale che verfica cosa succede nel comune?

Anonimo ha detto...

Cosa cambia...

Anonimo ha detto...

Ora anche il Gambarogno avrà acceso alle vie di transito veloce, con un investimento da 2 miliardi.
Finalmente una soluzione . Ma se gestiscono la gallereia come gestiscono il marciapiede a Quartino siamo messi male.

Anonimo ha detto...


Cosa fanno adesso al campo di Magadino, se scavano trovano la sorgente di lago durante le piogge é allagato in inverno é ghiacciato, non va bene per campo sportivo ne per pattinare, sollevarlo di un metro andrebbe bene per TUTTO.
Il marciapiedi dal ponte sul Ticino fino al cantiere nautico ci vuole un marciapiedi decente.
Doveva essere retro già fatto e dimenticato+ la strada, Di recente solo spolverata.

Cosa fanno i consiglieri delle frazioni del Gambarogno vanno sempre con le direttive del grande Gambarogno, Ma attenti alle spese, e non dire sempre SI.

Anonimo ha detto...

Caro amico ,il marciapiede deve essere edificato lungo tutta la strada fino a Dirinella .
Ma i nostri politici che ogni rinnovo dei poteri si spostano nel nostro comune solo per le votazioni Cantonali e Federali ,ottenuta la rielezione se ne sbattono le ...... del Comune del Gambarogno. Da sempre è cosi , e noi "capre e caproni " andiamo a votare , appoggiando chi piu' blatera .

Anonimo ha detto...

Concordo con l'ultimo intervento. Parliamo di marciapiede e non di pista ciclabile.
Scandalosa la situazione tra Vira ovest e San Nazzaro: non c'è un marciapiede, non c'è una protezione verso il lago per ca 40m ( se uno va nel lago ,non lo trovano più), poi c'è una barriera arrugginita che data dalla fine dell'ultima guerra mondial e ha continuato ad arrugginire e mai nessuno ultimamente ne ha fatto manutenzione, poi manca ancora un pezzo di marciapiede a beneficio degli abitanti di Alabardia e che collega la frazione fino alla stazione.
E in seconda battuta manca un collegamento pedonale tra Mgadino e Quartino.
Hanno realizzato un pezzo di marciapiede tra il ponte sul Ticino verso il Gambarogno , lungo 100m e non si sa a chi possa servire........
Avremo però un invesimento di tanti milioni per un porto che fa fatica a galleggiare.

Anonimo ha detto...


RIGUARDO LE RINGHIERE É il momento di sostituirle con un prodotto attuale e spetta alla strada Cantonale da Vira Gambarogno fino a S.Nazzaaro , retro se vi ricordate una autovettura il cui conducente è arrivato in ospedale con la ringhiera da estrarre dal corpo, non spetta al comune del Gambarogno di mettere un prodotto attuale di sicurezza ma al Cantone Ticino.